In Brasile il marchio iPhone non è di Apple

gradienteiphone In Brasile il marchio iPhone non è di Apple

L’ufficio brevetti brasiliano ha ufficialmente deciso che il marchio iPhone è assegnato a Gradiente Eltronica, una piccola azienda produttrice di telefoni cellulari che, nel lontano 2000, registrò il marchio “iPhone”, ben sette anni prima del lancio del melafonino Apple. Dal 2008 tale “iPhone” risulta di proprietà della Gradiente Eletronica che, però, ha iniziato a commercializzare il suo cellulare Android unicamente dallo scorso Dicembre.

Come riporta anche Punto Informatico, la decisione è applicata ai soli dispositivi mobile, la decisione dell’ufficio brasiliano non bloccherà le vendite di Apple sul mercato locale.

Ovviamente con questa decisione ora la piccola azienda brasiliana potrà avviare una causa in tribunale per i diritti di sfruttamento esclusivo del marchio, anche se non si sa a priori se potrà vincere e quindi ricevere dei denari. Ad ogni modo Apple ha confermato che ricorrerà in appello.

 







Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al forum


Eva Pellizzari

Eva Pellizzari è il lato femminile di Italiamac, appassionata di Social Media Marketing, Tecnologia e ovviamente Apple. Online le piace farsi chiamare Eva Starz. E’ costantemente alla ricerca di novità tecnologiche e prova con curiosità tutti i nuovi servizi digitali che compaiono continuamente sulla rete. Eva segue anche i Social Network di Italiamac, la sua carriera conta la collaborazione come Social Marketing Expertise per l’agenzia MacPremium e player di Buzz e Deep Marketing per l’agenzia RealTime. La nostra Eva Starz, oltre ad essere una blogger da diversi anni, è una esperta di contest e non perde occasione per testare le iniziative che ogni giorno vengono lanciate sul web e sui social network per scoprirne metodologie e funzionamenti, avendo sempre le antenne sintonizzate su tutto quello che le aziende propongono in rete.
x

Check Also

Apple ha già patchato la vulnerabilità Wi-Fi su macOS, iOS, watchOS e tvOS nei prossimi aggiornamenti

Come un fulmine a ciel sereno ci è stato detto che la cifratura WPA2 che utilizziamo ogni giorni sui nostri modem e quindi sulle nostre reti Wi-Fi non è più sicura e che è vulnerabile ad attacchi hacker che metterebbero a repentaglio tutto quello che digitiamo sul web. Apple però ci rassicura affermando di aver risolto gli exploit di iOS, tvOS, watchOS e macOS con l’ultima beta disponibile agli sviluppatori e che sarà rilasciata al pubblico molto presto. Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al ...