Galaxy Gear, lo smartwatch nato già vecchio

Samsung ha presentato il suo orologio “smart”, la stampa ne ha fatto un gran parlare: i coreani sarebbero arrivati per primi sul mercato con lo smartwatch, il dispositivo che tutti noi indosseremo in futuro.

Tuttavia, chiunque lo abbia visto in azione potrebbe pensare che la parola “smart” possa essere un po’ esagerata per questo manufatto: il tutto appare poco scorrevole, l’interazione con l’interfaccia appare piena di punti bui, durante l’utilizzo si ha spesso la sensazione di rimanere bloccati.

Sembra il tipico dispositivo elettronico di cui si dice: “eh bisogna prima imparare a usarlo”. Eppure è strano: i dispositivi della serie Galaxy sono abbastanza decenti in fin dei conti, certo non si avvicinano a un iPhone, ma si riesce a usarli senza tenere il manuale sottomano a differenza di tutti i cellulari creati da Samsung negli anni precedenti.

Ma allora cosa è successo? In realtà nulla, semplicemente il mercato ha cercato di creare qualcosa di nuovo senza avvalersi dei risultati del centro ricerche e design di Cupertino: questa volta non c’era nulla da copiare e hanno fatto da loro. Forse potrebbe sembrare un punto di vista un po’ radicale, ma potremo verificarlo facilmente a qualche mese da quando sarà uscito il vero smartwatch, quello di Apple, quando nei blog di tecnologia cominceranno a comparire titoli del tipo “Ora anche Galaxy Gear fa così e cosà”, “Samsung implementa in Galaxy Gear un sistema simile a…” etc etc.

Il Galaxy Gear di Samsung potrebbe sembrare innovativo a un osservatore ingenuo, ma possiamo scommettere che solo quando uscirà lo smartwatch di Apple vedremo qualcosa di davvero rivoluzionario, cioè tecnologie che ci sorprendono e non una semplice implementazione di cose già viste riproposte in formato da polso. Un po’ come quando Apple rilasciò iPhone in un mercato dominato da Symbian di Nokia portando la luce nel settore e facendo di colpo sembrare degli accrocchi medioevali i dispositivi che erano già presenti sul mercato.

Link:
Il video dell’interfaccia del Galaxy Gear su macitynet.it

Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle dell’autore e potrebbero non rispecchiare quelle di Italiamac.







Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al forum


Get Smart

x

Check Also

Le soluzioni assurde di Apple per pulire la tastiera dei nuovi MacBook Pro

Un paio di settimane fa sono stato obbligato a contattare il supporto Apple per fissare un appuntamento presso il primo Reseller vicino casa mia per far controllare la barra spaziatrice del mio MacBook Pro 2017 e morale della favola essi sono stati obbligati a sostituire tutto il top-case (ovvero tutta la tastiera, chassis di sotto e batteria inclusa) per la sola sostituzione di un tasto ma pare che io non sia l’unico.  Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al forum Correlati