Apple registra il marchio “There’s an app for that”

TheresAnAppForThatHeader Apple registra il marchio “There’s an app for that”
Probabilmente ricorderete tutti la frase-tormentone che ha accompagnato per mesi gli spot dell’iPhone, “There’s an app for that”. Grazie a poche parole, il marketing di Apple è riuscito a sottolineare con i diversi spot televisivi l’enorme quantità di apps presenti nell’App Store e, di conseguenza, l’incredibile versatilità che poteva vantare il suo smartphone.
Gli spot, in quel caso, diventavano delle vere e proprie vetrine per promuovere alcune delle applicazioni presenti nello store (a tutto vantaggio dell’iPhone, ovviamente), premiando la creativitià dei developers.

Dallo scorso 7 Ottobre, la frase “There’s an app for that” è divenuta un marchio registrato di proprietà di Jobs e soci che si sono così tutelati da eventuali scimmiottamenti da altri produttori (almeno d’ora in avanti).
La frase è apparsa per la prima volta il 26 Gennaio del 2009, mentre la richiesta da parte di Apple, di registrarla è stata avanzata il 4 Dicembre dello stesso anno.

Come sempre, la burocrazia ha i suoi tempi, e l’approvazione della registrazione della frase è arrivata solo in questi giorni, quando ormai Apple sembra abbia smesso di usarla nei propri spot.
Quando si dice il “tempismo”.







Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al forum


Gabriele Contilli

x

Check Also

Il Face ID sarà il nuovo Touch ID nel 2018, parola di Kuo

Tutti gli iPhone che Apple pianifica di rilasciare nel 2018 abbandoneranno il Touch ID a favore del nuovo sensore con riconoscimento facciale Face ID, queste sono le parole dell’analista della KGI Securities, Ming-Chi Kuo. Stando a Kuo Apple introdurrà il nuovo sensore per competere con i dispositivi Android che attualmente hanno implementato un sensore bi-dimensionale non affatto sicuro. Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al forum Correlati