Apple ha presentato lo scorso Settembre 2017, insieme a iPhone X e Apple Watch Serie 3, anche AirPower un accessorio che promette la ricarica wireless di tre dispositivi contemporaneamente. Ad oggi questo accessorio non ha visto la luce del sole e possibilmente non la vedrà se prima Apple non risolverà alcuni problemi.

Stando a un nuovo report di Sonny Dickson, il progetto AirPower sta per estinguersi e a dirlo sarebbero le aziende manifatturiere che si stanno occupando della produzione dello stesso.

I problemi dell’AirPower sarebbero sostanzialmente tre: il primo è legato al surriscaldamento della basetta, il secondo a un problema di comunicazione a livello software e il terzo sarebbe legato alla superficie di ricarica.

Partiamo subito con il primo problema, si legge dall’articolo che a causa del surriscaldamento della basetta i dispositivi non si caricherebbero come dovrebbero. Questo causerebbe un sovraccarico del chip.

Nel report si legge inoltre che anche la comunicazione tra software avrebbe dei bug. Il trasferimento dati tra attivazione della carica e livello di carica avrebbe anch’esso problemi. Una delle feature più importante che è stata mostra durante l’evento dello scorso anno sarebbe proprio l’animazione che comparirebbe su iPhone quando un dispositivo, o iPhone stesso, viene poggiato sulla base di ricarica e un problema di comunicazione sarebbe una grande perdita per Apple.

La superficie di ricarica sarebbe un pannello totalmente rivestito di elettrodi in grado di caricare qualsiasi dispositivo posto in qualsiasi parte di questa basetta, qualcosa di mai visto prima d’ora, ecco perché Apple sta avendo problemi nella realizzazione.

italiamac 6a0120a5580826970c022ad37fbae9200d Che fine ha fatto lAirPower? Forse non arriverà mai

Proprio questa nuova tecnologia causerebbe delle interferenze con perdita di carica a causa dell’elevato calore che si genera.

Al momento Apple ha rifiutato qualsiasi tipo di commento e non è chiaro se e quando verrà rilasciata. È possibile che durante l’evento di Ottobre l’azienda di Cupertino possa fare qualche riferimento alla AirPower.

Advertise