Apple Tim Cook
Apple CEO Tim Cook speaks during an Apple special event at the Flint Center for the Performing Arts on September 9, 2014 in Cupertino, California. Apple is expected to unveil the new iPhone 6.

A causa delle recenti controversie legali contro la Corte Federale degli Stati Uniti, Apple ha ufficialmente informato un Giudice Federale che non esiste alcun modo che permetta alla Casa di Cupertino ad accedere ai dati riservati degli utenti. Non su un dispositivo con iOS 8 o superiore, almeno.

A riportare la notizia è 9to5Mac, che cita, al riguardo, un articolo di Reuters. Stando a Apple, i metodi di crittazione dei dati sono ancora più “stretti” e severi su iOS 8 di quanto non lo siano stati in passato, e che non sarebbe possibile in alcun modo accedere ai dati riservati degli utenti; neanche se richiesto espressamente dalla Corte.

 

455048252 101 620x329 Apple non può accedere in alcun modo ai dati di un dispositivo con passcode e iOS 8 (o superiore)
Tim Cook durante un evento speciale Apple al “Flint Center for the Performing Arts” del 9 Settembre 2014 in Cupertino, California. In quell’occasione, Apple aveva svelato iPhone 6.

 

Apple ha fatto notare, inoltre, che il 90% dei dispositivi iOS è ormai dotato di iOS 8 o superiore, mentre il restante 10% non verrebbe “rivelato” in alcun modo senza una chiara autorità legale. Per giustificare una tale scelta, Apple ha citato la sua relazione con gli utenti come motivo primario per non voler accedere ai dati sui dispositivi bloccati:

Spingere Apple a estrarre i dati, essendo assente una chiara autorità legale per farlo, potrebbe minacciare la fiducia tra Apple e i suoi clienti e macchiare sostanzialmente il marchio Apple.

Un’udienza sarà tenuta questo Venerdì per approfondire il caso, e per determinare se Apple sarà mai obbligata ad aiutare il governo per accedere ai dati sui suoi dispositivi (tramite un mandato, ovviamente).

E voi, cosa ne pensate? Fatecelo sapere nella sezione dei commenti!
Advertise