Growl si aggiorna e diventa App.

growl home Growl si aggiorna e diventa App.

Quasi tutti hanno installato sui propri Mac il sistema di notifiche Growl. Poco invadente, leggero ed elegante ha preso subito spazio sul nostro desktop. Sino ad oggi Growl era un pannello nelle Preferenze di Sistema, adesso, con il passaggio al Mac App Store [link] diventa un Applicativo e, ahimè, passa da gratuito a pagamento (solo €1,59).

La versione 1.3 di Growl risulta ben fatta e resta sempre leggera anche se adesso la troviamo sulla barra dei menù; da lì possiamo entrare dentro le preferenze dell’applicativo che ci permetteranno di decidere cosa farci notificare, dove e come.

growl1 580x288 Growl si aggiorna e diventa App.

Growl 1.3 introduce la “Cronologia“, ovvero un sistema di memorizzazione che, quando il nostro Mac va in stand by, l’applicativo memorizza le notifiche e le visualizza in un’unica finestra in trasparenza al centro del desktop una volta che riprendiamo le attività. Come ho scritto precedentemente, Growl passa da gratuito a pagamento inserendosi nel Mac App Store [link], molti non sono rimasti contenti di questo cambiamento ma il team di sviluppo ha fatto un ottimo lavoro e il costo di €1,59 è veramente irrisorio rispetto alla sua utilità. Altra perdita è il plugin per le notifiche di mail che per tantissimi utenti era una peculiarità indispensabile, infatti nei commenti sul Mac App Store troviamo “poche stelle” date soprattutto per questo motivo

L’aggiornamento di Growl e il suo adattarsi a Lion è stato un po’ dolce, un po’ amaro; di certo c’è ancora la possibilità di utilizzare la vecchia versione di gratuita di Growl [link download]. Personalmente consiglio di acquistare la nuova 1.3 che con la “Cronologia” fa un grande passo avanti.







Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al forum


Andrea Parisi

Andrea Parisi è utente Apple da oltre 8 anni e ama l’affidabilità dei dispositivi made in Cupertino. Utilizza giornalmente il suo MacBook Pro e lo sfrutta fino al limite assieme ad iPhone e iPad.

E’ orgoglioso del suo iPod 2G che ancora oggi funziona perfettamente: una delle “magie” della casa della mela “morsicata”.

E’ affascinato dal Mondo Google e infatti lo preferisce ad iCloud di Apple reputandolo più produttivo e professionale

Si occupa di “Comunicazione Web e Marketing” ed è appassionato di tecnologia a 360°.

Loading...