USB 3.2, lo standard USB di prossima generazione che dovrebbe iniziare ad apparire nei dispositivi entro la fine dell’anno, raddoppierà la velocità massima supportata a 20 Gbps. Ciò si ottiene consentendo due corsie da 10 Gbps ciascuna (all’interno del cavo), ottenibili senza ridurre la lunghezza del cavo.

Rimane però un po di confusione sulla denominazione in merito alle velocità USB.

Attualmente è abbastanza semplice:

  • USB 1.1 (12 Mbps)
  • USB 2.0 (480 Mbps)
  • USB 3.0 (5 Gbps)

E poi è arrivato USB 3.1 che ha raddoppio la velocità di trasmissione dati a 10 Gb / s. Sarebbe stato opportuno e logico identificare i dispositivi 5Gb / s esistenti come “USB 3.0” e i nuovi dispositivi 10Gb / s come “USB 3.1”. Ma non è quello che è stato fatto dall’ l’USB-Implementers Forum. Per motivi che rimangono difficili da comprendere, è stata presa la decisione di ri-brandizzare in maniera retroattiva le connessioni USB 3.0. 5Gb / s diventa “USB 3.1 Gen 1”, e 10Gb / s diventa “USB 3.1 Gen 2.” con il marchio del consumatore ” SuperSpeed ​​USB 10Gbps. ”

E ora l’USB-IF sta rendendo le cose ancora peggiori. Innanzitutto, i vecchi dispositivi USB 3.1 sono diventati magicamente USB 3.2, a parità di velocità. E il nuovo 20Gbps ottiene uno nuovo nome:

USB 3.1 Gen 1 diventa USB 3.2 Gen 1
USB 3.1 Gen 2 diventa USB 3.2 Gen 2
Il nuovo standard 20Gbps diventa … USB 3.2 Gen 2 × 2

Abbastanza complicato lo ammetto. Acquistare un cavo USB-C sarà ancora più complicato di quanto lo sia oggi. L’unica cosa di cui dovete tenere conto è che 20Gbps sono possibili solo con cavi USB-C (compatibili), poiché solo questi hanno la doppia corsia necessaria per raddoppiare la velocità effettiva.

Per cui diventa:

  • USB 1.1 (12 Mbps)
  • USB 2.0 (480 Mbps)
  • USB 3.2 Gen 1 (5 Gbps)
  • USB 3.2 Gen 2 (10 Gbps)
  • USB 3.2 Gen 2×2 (20 Gbps)

Thunderbolt rimane lo standard più veloce, offrendo una velocità massima di 40 Gbps.

Advertise