Yeti Bluemic

Yeti, il microfono di Bluemic semplicemente…mostruoso!

Yeti

129.99
%name Yeti, il microfono di Bluemic semplicemente...mostruoso!
8

Design

7/10

    Qualità

    8/10

      Prezzo

      9/10

        Pro

        • Design
        • Facilità d'Uso
        • Prezzo
        • Pattern

        Contro

        • Dimensioni

        Qualche tempo fa avevamo già parlato di Bluemic a proposito di Raspberry. Oggi torniamo a parlare dell’azienda perché abbiamo avuto il piacere di provare un altro microfono questa volta dedicato più che altro a musicisti. Stiamo parlando di Yeti. Del dispositivo esistono tre diverse versioni. La prima, quella che abbiamo provato noi, è una entry level con prestazioni comunque altissime ma ad un prezzo contenuto. A parte questa, la Bluemic produce Yeti Pro e Yeti Studio.

        Caratteristiche principali di Yeti

        Yeti è un microfono decisamente imponente nelle dimensioni e probabilmente il nome lo si deve proprio a questo. Sin dal primo utilizzo, si apprezza la sua prestanza assolutamente proporzionale alla qualità. Il microfono dispone di un piedistallo regolabile decisamente solido che, fornito di due manopole, può essere fermato in varie posizioni. L’importante, però, è ricordare che la sorgente del suono deve essere perpendicolare all’asse maggiore del microfono. Dal punto di vista estetico, Yeti è decisamente minimal grazie alle curve sinuose del piedistallo e alle colorazioni monocromatiche sobrie ed eleganti che vanno dal bianco al total black. Anteriormente, oltre al logo dell’azienda, è presente il tasto mute e il controllo del volume in cuffia. Posteriormente, sono presenti due altre manopole. La prima serve a regolare il gain. La seconda, vera anima del microfono, è la manopola per selezionare uno dei 4 pattern che il microfono offre. Inferiormente, invece, è presente  l’ingresso per le cuffie, l’ingresso usb per collegare il microfono al computer e un sistema di aggancio del microfono all’asta, nel caso non si voglia utilizzare il supporto in dotazione.

        www.italiamac.it yeti bluemic yeti bluemic unbox 620x465 Yeti, il microfono di Bluemic semplicemente...mostruoso!

        Il vero fiore all’occhiello di Yeti è senz’altro la tecnologia tri-capsule firmata Bluemicrophones. Grazie ad essa è possibile utilizzare il microfono secondo 4 diversi pattern.

        Il primo il pattern cardioide. Il microfono, in questo contesto capterà esclusivamente le frequenze sonore derivate dalla sorgente posta di fronte ad esso. Questa modalità è estremamente utile per registrare la voce per un podcast. Il secondo pattern è quello stereo, grazie al quale il microfono non solo registrerà la sorgente direttamente di fronte al microfono ma anche suoni più laterali. Questo tipo di pattern è molto utilizzato per la registrazione di strumenti acustici, come nel caso di una chitarra. Il pattern omnidirezionale, inutile dirlo, serve a registrare i suoni a 360 gradi. Si usa, insomma, per registrare i suoni nell’ambiente a tutto tondo. Ultimo pattern selezionatile è quello bidirezionale che viene usato per registrare la voce di due interlocutori posti uno di fronte all’altro.

        La mia prova su strada di Yeti

        www.italiamac.it yeti bluemic yeti bluemic frontale 620x827 Yeti, il microfono di Bluemic semplicemente...mostruoso!

        Su Yeti di Blue Microphones di potrebbero spendere chili di belle parole in ogni senso. Innanzitutto il prezzo. Considerando le qualità e le funzionalità di questo prodotto, il prezzo è assolutamente vantaggioso. Dopotutto con soli 129 euro stiamo comprando praticamente quattro microfoni in uno. L’utilizzo è anch’esso estremamente intuitivo, prevedendo, per la configurazione, solo strumenti analogici. Ovvio che l’utilizzo di software prende un secondo settaggio virtuale ma se ci accontentiamo della qualità sonora che Yeti offre, non avremo bisogno di fare altro per utilizzare il microfono.
        La resa sonora è assai valida. Il suono è decisamente limpido e assolutamente fedele. Durante le prove effettuate utilizzando GarageBand, non ho mai evidenziato artefatti o errori di altro tipo. I quattro pattern offrono esattamente quello che promettono di offrire.
        Unico neo, qualora di pensi di acquistare un microfono trasportabile, sono le dimensioni. Ecco, Yeti è imponente e trasportarlo non dev’essere proprio comodo. Io, personalmente, lo piazzerei sul mio tavolo di lavoro e lo userei esclusivamente per registrazioni indoor.

        Conclusioni

        Se avete voglia di registrare la vostra voce, la vostra chitarra o qualsiasi altro strumento, in un contesto casalingo, probabilmente questo è il microfono che fa al caso vostro. Il prezzo è decisamente basso e la resa sonora assolutamente alta.

        Info

        Prezzo: 129€
        Produttore: Yeti

        PRO

        • Design
        • Facilità d’uso
        • Prezzo
        • Pattern

        CONTRO

        • Dimensioni






        Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al forum


        Pietro Scaramuzzo

        Appassionato di musica e tecnologia, ha già collaborato con diversi magazine online tra cui Extra! e Jazzitalia. “Brasiliofilo” convinto, cura il portale Nabocadopovo, in cui racconta la musica e la cultura brasiliana attraverso video interviste. Collabora con Italiamac da diverso tempo, focalizzando le proprie attenzioni sull’eccellente connubio tra Apple e musica.
        x

        Check Also

        Raspberry Box

        Raspberry, il microfono di Blue Microphones per Macbook e iPhone

        Raspberry 199 7.8333333333333 Materiali 7/10 Funzionalità 9/10 Prezzo 8/10 Pro Dimensioni Cavo Lightning Sensibilità Microfono Facilità d'uso Contro Sacchetto porta microfono Blue Microphones Registrazioni vocali, podcast o cose di questo genere sono tutte attività che richiedono inevitabilmente l’utilizzo di un microfono esterno. Quando registriamo l’audio con il microfono integrato nel MacBook o nell’iPhone il risultato non è ottimale se quello che cerchiamo è un audio di qualità. Per questo, ci viene in aiuto la Blue Microphones con un prodotto pensato specialmente per gli Apple users. Stiamo parlando ...