Un sensore di impronta inserito nel vetro eliminerebbe il tasto home su iPhone

Siamo ad un passo dall’eliminazione del Touch ID inserito nel tasto home degli iPhone ed iPad.
Stando ad un nuovo brevetto depositato da Apple il quale parla di “sensori di impronta nei pixel” per i futuri iPhone, si fa carico dell’annuncio la compagnia R&D la quale ha annunciato di aver scoperto un metodo per inserire un sensore biometrico ad ultrasuoni sotto il Gorilla Glass (vetro utilizzato negli smartphone di ultima generazione).

Stando a quanto riportato dal CTO della società, Rainer Schmitt, questa tecnologia è “molto adatta per stare nell’intermezzo del vetro e specificatamente architettato per offrire una maggiore sicurezza ed una facile integrazione nei dispositivi mobili ed altri tipi di dispositivi.”

touchid screenshot 620x403 Un sensore di impronta inserito nel vetro eliminerebbe il tasto home su iPhone

 

Nulla si sa in merito alla sicurezza del nuovo sensore se comparato a quello delle attuali generazioni di smartphone.
Una limitazione, nell’impiego di questa nuova tecnologia, è la sola compatibilità con il Corning Gorilla Glass, ovvero Apple dovrebbe pianificare degli schermi in zaffiro per i prossimi iPhone al fine di inserire il nuovo sistema.
L’eliminazione del tasto home, invece, permetterebbe di ingrandire il display degli iPhone senza aumentare fisicamente i pollici fisici dei dispositivi.
Voi cosa ne pensate? Preferite gli attuali tasti home o un sensore integrato nel pannello anteriore?

Immagini tratte da CultOfMac







Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al forum


Pietro Messineo

Studente in Informatica presso l'Università di Palermo è sempre stato, fin da piccolo, appassionato al mondo tecnologico e soprattutto alla programmazione. Amante dei prodotti Apple, li conosce da cima a fondo, partendo dal software per finire all'hardware.
x

Check Also

WSJ: Il sensore per il riconoscimento facciale funzionerà anche al buio

Si è detto che iPhone 8 sarà dotato di sofisticati sensori 3D nel pannello frontale in grado di scansionare la faccia dell’utente in un “milionesimo di secondo” e stando a quanto riportato oggi dal Wall Street Journal i sensori saranno in grado di funzionare in situazioni di scarsa luminosità e anche in ambienti bui. Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al forum Correlati