L’utilizzo di un singolo modem per servire una casa di parecchi metri quadrati o un ufficio è sostanzialmente insufficiente ragion per cui ci si affida a degli extender di segnale che ne amplificano la copertura Wi-Fi estendendola nelle “zone d’ombra” dell’appartamento. Linksys ha re-inventato i tradizionali router ed extender rilasciando Velop, un sistema tri-band in grado di creare una rete di tipo mesh di alto rango.

A differenza dei router tradizionali o range extender il sistema Wi-Fi a tre bande di Velop offre una copertura Wi-Fi al 100% in tutta la casa, ciò vuol dire che se dal vostro modem escono 100 mbps allora in ogni stanza con installato un nodo Velop avrete 100 mbps. Pura fantascienza? No! Noi lo abbiamo testato e possiamo dirvi che è così, ma non aspettatevi di spendere poco.

Sfruttando la rete wireless mesh per il Wi-Fi i nodi di Velop si connettono perfettamente l’uno all’altro e utilizzano un nome unico per creare la rete, così come un unica password. Andremo nel dettaglio della configurazione più avanti, ho voluto darvi giusto un assaggio di cosa è il mesh Wi-Fi e di come Velop funziona.

Contenuto della confezione:

Abbiamo ricevuto il kit compost da tre nodi. La confezione è molto elegante e in cartone robusto, l’apertura è magnetica e all’interno trovano spazio tra la gomma piuma sagomata i tre nodi, mentre in un alloggio separato gli alimentatori, un cavo Ethernet e un manuale rapido di istruzioni.

Design dei nodi Velop:

I nodi Velop hanno un design veramente compatto che occupa indubbiamente meno spazio dei router tradizionali grazie al loro sistema integrato verticale. Grazie al loro design moderno è possibile posizionarli veramente in qualsiasi ambiente, che sia la scrivania di un ufficio o un mobile antico poco importa, sarà solamente necessario collegare un cavo di alimentazione dalla presa della corrente al nodo e il gioco è fatto.

italiamac linksys velop front node Linksys reinventa i router tradizionali con Velop

Installazione e configurazione:

L’installazione dei nodi Velop è semplicissima e anche un bambino potrebbe farla. Non è richiesto l’ausilio di un tecnico e neanche conoscenze particolari di informatica. Grazie all’app realizzata da Linksys, disponibile in App Store e Play Store, sarà sufficiente seguire i passaggi illustrati all’interno del programma e il gioco è fatto.

L’installazione dei nodi è ancora più semplice, una volta connesso il primo nodo alla corrente e collegato via Ethernet al vostro modem potrete avviare la configurazione guidata via app e non appena avrete seguito tutti i passi esso sarà perfettamente configurato.

Per aggiungere nuovi nodi nelle impostazioni dell’app c’è una voce ad-hoc. A questo punto non vi basterà altro che collegare un secondo nodo alla corrente, in un altra stanza, e seguire la procedura guidata all’interno dell’app. Se anche voi come me, riscontrasse alcuni problemi nel riconoscimento del nodo dovrete semplicemente premere il tasto di reset e immediatamente verrà riconosciuto dall’app e associato al nodo madre precedentemente connesso al modem.

La configurazione sarà la stessa per ogni nodo successivo. Al momento Linksys afferma di aver testato fino a 6 nodi connessi allo stesso momento ma in teoria se ne possono collegare infiniti, fa sapere l’azienda.

Funzionalità dei nodi:

Grazie alle tre bande, una da 2.4GHz e due da 5GHz, i nodi forniscono una connessione affidabile e alla stessa velocità di come se foste connessi via Ethernet al vostro modem principale.

I Velop sono dei router a tutti gli effetti e offrono la possibilità, tramite le app di accompagnamento, di essere gestiti. Nel pannello di controllo è possibile vedere quanti dispositivi sono connessi al Wi-Fi in questo momento, se i nodi sono connessi a Internet, impostare un filtro famiglia, una rete ospite, e la priorità dei dispositivi.

Una funzionalità veramente ottima è la modalità “mista” ovvero i nodi assegneranno automaticamente ai dispositivi a quale rete dovranno connettersi, se 2.4GHz o 5GHz, in modo da non avere due reti Wi-Fi con nomi differenti, come accade con la maggior parte dei modem dual-band.

Sempre all’interno dell’app è possibile effettuare un Test della velocità, impostare una notifica quando la connessione viene persa, impostare accesso ospite, controllare i dispositivi connessi, priorità dei dispositivi, filtro famiglia, amministrare la rete di nodi connessi, delle impostazioni avanzate che ora vi andrò a spiegare e una guida.

Le impostazioni avanzate possono essere interessanti per i più smanettoni, come sotto categorie sono presenti: Impostazioni Internet, Impostazioni porta, Filtri MAC Wi-Fi e Impostazioni rete locale. Andiamole a vedere nel dettaglio:

Le Impostazioni Internet offrono la possibilità di impostare un tipo di connessione se DHCP, IP Statico, PPPoE, PPTP, L2TP o modalità bridge dei Velop.

Le Impostazioni porta servono ai gamer principalmente e a chi dispone di un sistema di sicurezza e un IP Pubblico per poter vedere cosa accade dall’esterno. Da qui è possibile impostare l’inoltro su porta singola, intervallo di porte e attivazione intervallo di porte.

Filtri MAC Wi-Fi come il nome suggerisce permette di controllare l’accesso alla rete Wi-Fi tramite identificatore a 12 cifre e consentire o negare l’accesso di indirizzi MAC in elenco.

Le Impostazioni rete locale invece offrono la possibilità di impostare manualmente indirizzo IP, Maschera di settore, numero massimo di utenti e molto altro.

La nostra prova:

È ormai poco più di una settimana che i nodi Velop hanno sostituito il mio router TP-Link che era connesso in bridge al modem del mio gestore telefonico. Sì, avevo un router connesso al modem perchè la potenza dei modem che vengono forniti dai gestori è veramente scarsa e inaffidabile.

Posso ritenermi pienamente soddisfatto da come i nodi Velop funzionano. La mia connessione è una 100mbps e arriva a 100mbps. Con i tre nodi connessi raggiunto in due nodi, paradossalmente nel nodo più lontano della casa, 100mbps. Mentre nel nodo più vicino al nodo madre 80mbps, possibilmente dovuto ai muri e a ciò che c’è di mezzo.

Torno a ribadire che i nodi Velop hanno un design veramente bello che non limita assolutamente le proprie funzionalità, dispongono infatti di 6 antenne al proprio interno, e si adattano a ogni tipo di arredamento e non occupano tanto spazio.

La recensione si chiude però con un po’ di amaro in bocca. Il prezzo dei nodi non è affatto economico. Il kit recensito, ovvero quello fornito da 3 unità, ha un prezzo di €468 ed è disponibile all’acquisto su Amazon. È inoltre possibile acquistare un kit formato da un solo nodo o un kit da due e i rispettivi prezzi sono di: €236 e €385.

Apple ha anche approvato il sistema Velop di Linksys ed è disponibile nel negozio online dell’azienda di Cupertino a un prezzo inferiore di Amazon. Il kit da 3 nodi è disponibile a €429 mentre quello a 2 al prezzo di €299.

Vi lasciamo una galleria di foto dei Velop:

Advertise