Apple ha lanciato ieri i nuovi modelli di MacBook Pro equipaggiati di processori Intel di ultima generazione, il doppio di RAM e altre piccole leccornie, incluso il coprocessore T2 per prima introdotto su iMac Pro e che offre la possibilità di richiamare l’assistente vocale pronunciando “Hey Siri”.

Il chip è proprietario di Apple ed è basato su tecnologia ARM e si occupa di gestire alcuni dei dati criptati tramite Secure Enclave. Il T2 inoltre, essendo a basso impatto energetico, sarà in grado di occuparsi di ascoltare tramite il microfono se l’utente pronuncerà le parole magiche per invocare l’assistente vocale, così come accade su iPhone.

Ecco quanto riporta Apple:

Entra in scena il chip T2, seconda generazione del processore Apple per Mac, progettato per rendere il tuo MacBook Pro ancora più sicuro. Di serie su tutti i modelli da 13″ e 15″ con Touch Bar, racchiude un coprocessore Secure Enclave che assicura le fondamenta per le funzioni di avvio protetto e archiviazione criptata. Il nuovo processore riunisce inoltre diversi controller in un solo: per esempio il controller per la gestione del sistema, il controller audio e il controller SSD. E con il chip T2 arriva sul MacBook Pro il comando vocale più comodo: ora ti basta dire “Ehi Siri” per aprire app, trovare file, ascoltare musica e avere risposte al volo.

Come per il suo predecessore, il chip T2 sarà utilizzato come Secure Enclave per tenere le chiavi criptate e gestire l’avvio del computer, i controlli audio, l’SSD e perfino le impronte digitali per lo sblocco tramite Touch ID.

Questo piccolo chip è stato introdotto lo scorso anno con il rilascio dell’iMac Pro.

Advertise