Antitrust, Apple e Garanzie. Proviamo a fare chiarezza

apple1 Antitrust, Apple e Garanzie. Proviamo a fare chiarezza

E’ notizia che circola veloce la decisione dell’AGCM (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) di aprire una procedura contro Apple in materia di garanzia ed Apple Care. Questo ha suscitato subito un gran parlare, qualche articolo sensazionale, e probabilmente molta confusione. Proviamo allora ad analizzare alcuni punti per cercare di chiarirne alcune parti fondamentali.
Innanzitutto, l’antitrust ha chiuso le istruttorie con 7 grandi catene della grande distribuzione, che abbraccia ben 460 punti vendita, più 5 portate avanti dall’agosto 2010, per arrivare ad un totale di ben 1.200 punti vendita. Con queste istruttorie queste grandi compagnie prendono degli impegni seri, e vincolanti, in materia di chiarezza per quanto riguarda i diritti dei consumatori sulla garanzia legale, che a breve andremo ad approfondire.

Tra le grandi distribuzioni coinvolte abbiamo Carrefour, Auchan, IPER La Grande, Expert, Eldo Italia, Di Salvo e Della Martina. Questi impegni riguardano l’informazione chiara tra le differenze tra garanzia legale e servizi di assistenza aggiuntivi, nonché modalità semplici per il diritto di recesso sugli acquisti online, e tempi chiari sulle procedure di sostituzione (35-60 giorni) che comunque non sono previsti per legge, poiché la legge parla di tempi congrui ma senza specificare.

Veniamo ad Apple, ed alla confusione generata da chi, facendo informazione, rischia di creare l’effetto opposto, magari in buona fede.

Questa è la procedura iniziata dall’antitrust contro Apple e Comet:

secondo i primi accertamenti compiuti dagli uffici la società, insieme alla catena di vendita Comet, proporrebbe un contratto di assistenza a pagamento senza chiarire al consumatore che il contratto si sovrappone temporalmente al secondo anno della garanzia legale che non comporta costi per il consumatore.

apple2 Antitrust, Apple e Garanzie. Proviamo a fare chiarezza

Quindi si parla di Apple Care, ma si parla anche di garanzia legale, di costi per il consumatore e di chiarezza. Ma non è che forse in materia di garanzia, sono proprio le istituzioni a mancare di chiarezza in primis poiché abbiamo sempre tutti molta confusione? Vediamo insieme:

  • Per legge, tutti i prodotti devono avere una garanzia commerciale (o convenzionale, o anche detta di buon funzionamento) ed una garanzia legale.
  • La garanzia commerciale fa riferimento alla garanzia contrattuale ed è data dal produttore, in questo caso Apple, e dura 12 mesi. La garanzia prevede la riparazione di componenti o sostituzione completa purché non sia stato il consumatore a causarne i difetti. Questa può essere estesa, ed è il caso di Apple Care.
  • La garanzia legale è imposta dalla Legge Vigente, dura per il consumatore privato 24 mesi più 2 mesi per denunciare il malfunzionamento (26 in totale), ma protegge SOLO i difetti di conformità, o vizi, o mancanza di qualità promesse. Questi difetti si hanno solo quando il prodotto non è conforme a quanto stipulato nel contratto di vendita iniziale. Il difetto deve essere riscontrato all’origine, e non ha niente a che vedere con l’usura. Questa garanzia è a carico completamente del venditore (e non del produttore). Quindi questa garanzia, a mio avviso, è notevolmente ridotta rispetto a quella del primo anno, o per lo meno più complicata da far valere.

 

Quindi, ricapitolando, Apple è responsabile in quanto produttore di una garanzia commerciale per i primi 12 mesi, ed in quanto venditore come Apple Store, di una garanzia legale per i successivi altri 12 mesi. La responsabilità del 2° anno è SOLO quella di conformità, al pari di qualsiasi altro negozio dove voi possiate comprare un prodotto Apple (MediaWorld, Reseller, negozietto del paese…)

Secondo l’antitrust, Apple non chiarirebbe questa sostanziale differenza, presupponendo quindi una faziosità nella vendita del suo servizio Apple Care. Visti questi dubbi, sono andato a vedere nel sito internet ufficiale per capire meglio cosa propone il servizio Apple Care; i servizi presi di mira sono quelli che estendono l’Apple Care solo per 2 anni, esempio per iPod, iPad, iPhone ed Apple TV, poiché per i Mac ed i Monitor la garanzia può essere estesa per 3 anni.

APPLE CARE è un’estensione della garanzia commerciale e si sovrappone alla garanzia legale dando qualcosa in più, vediamo se non è chiaro, riporto dal sito alcune parti reperite facilmente su prodotti diversi:

Estendi la copertura dell’assistenza e il supporto fino a due anni dalla data dell’acquisto del tuo iPhone.

Ricevi la copertura delle riparazioni per tutti gli hardware e gli accessori inclusi, compresa la batteria dell’iPhone.

Sfrutta l’accesso diretto agli esperti Apple in caso di domande relative al sistema operativo dell’iPhone, alle applicazioni per iPhone con marchio Apple e all’interconnettività fra il tuo iPhone e il tuo Mac o PC.

In più, il nostro servizio sostituzioni express riduce al minimo il tempo in cui resti senza telefono in caso di riparazioni.

Leggendo sulle informazioni per iPhone si legge:

1) Nell’acquisto di iPhone sono compresi 90 giorni di assistenza tecnica. I vantaggi di AppleCare Protection Plan integrano gli eventuali diritti di tutela del consumatore previsti dalle leggi vigenti nella propria giurisdizione.

Sulla parte relativa all’iPad si legge:

I vantaggi di AppleCare Protection Plan integrano gli eventuali diritti di tutela del consumatore previsti dalle leggi vigenti nella propria giurisdizione. L’acquisto di AppleCare Protection Plan non è un requisito per poter acquistare i dispositivi da essa coperti.

Che il servizio aggiuntivo Apple Care non si limiti semplicemente a fare un’assistenza di conformità sembra abbastanza chiaro agli utenti Apple che conoscono cosa sia una garanzia legale. Forse ciò che non è chiaro è la solita confusione creata sul 2° anno di garanzia, che per legge non ha niente a che vedere con la garanzia commerciale del 1° anno. Se proprio vogliamo fare una critica, magari andrebbe fatta sulla ambiguità che questa divisione della garanzia comporta, che da sempre ha creato confusione tra i consumatori, e forse sarebbe auspicabile che la legge europea decidesse di mettere 24 mesi di garanzia commerciale, uguale per tutti, ed obbligatoria per i produttori. Ma questo non è ciò che viene contestato ad Apple. Secondo voi il servizio Apple Care è chiaro, o sono le idee in merito alle garanzie a non essere chiare per i consumatori?

 

Nota: le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e potrebbero non rispecchiare quelle di Italiamac.







Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al forum


Davide Roccato

x

Check Also

È dimostrato! Apple non applica l’obsolescenza programmata

È stata da poco pubblicata una serie di benchmark effettuata su molti device Apple, con la quale si dimostra che l’azienda di Cupertino non applica la strategia aziendale dell’obsolescenza programmata. Una bella notizia per tutti i clienti della Mela ed un colpo basso alla concorrenza. Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al forum Correlati