Apple si fa strada fra le aziende a spese dei PC

screen cammmpture Apple si fa strada fra le aziende a spese dei PC

Lo scorso venerdì, l’analista Charlie Wolf ha pubblicato i risultati di una ricerca di mercato da cui si evince che Apple ha compiuto grandi passi in diversi mercati statunitensi: del governo, delle grandi imprese e delle piccole aziende. Settori in cui, da tempo, i PC con sistema operativo Windows hanno regnato pressoché incontrastati.

Le vendite complessive di Mac sono cresciute del 66% nel primo trimestre del 2011; mentre le vendite dei PC sono salite solo di 4,5 punti percentuali. Si tratta di un dato ancor più significativo lo si divide in settori. Nello stesso arco di tempo, infatti, le vendite dei Mac sono cresciute del 94,7% nelle grandi aziende e di 80,4% nelle piccole aziende. Presso gli uffici del governo, le vendite di Mac sono balzate al 155,6%, a fronte delle vendite di PC, che sono salite di appena il 2,3% in questo settore. Nell’ambito educativo, invece, le vendite di computer Macintosh sono salite solo di un punto percentuale, ma quelle di PC sono scese del 6,5%; infine, il consumo “casalingo” dell’utente medio è salito al 21,6%, mentre le vendite di PC sono scese di 4,4%. Il parallelo nella crescita delle vendite tra Mac e Pc, dunque, mostra un netto vantaggio dei prodotti della mela.

Considerando la fase di ristagno del mercato PC nel periodo preso in considerazione, queste cifre sono abbastanza impressionanti, e mostrano un netto squilibrio in favore dei prodotti dell’azienda di Cupertino, con un trend inverso rispetto agli anni passati. La crescita di Apple, inoltre, non si limita agli Stati Uniti, ma si mantiene forte anche in Asia ed Europa, dove le vendite sono salite rispettivamente del 70% e dell’8%, a fronte della caduta nelle vendite dei PC, intorno ai 10/20 punti percentuali. Come a dire: la rivoluzione è solo all’inizio.







Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al forum


Elisa Furio

Loading...