Della possibilità di introdurre misure antifurto sugli smartphone se ne parla da un po’, la tecnologia per farlo c’è e molti utenti hanno finora usato App come Prey per tentare di arginare quello che è un fenomeno globale di proporzioni sconcertanti, secondo questo articolo sull’HuffingtonPost nel 2013 sarebbero stati rubati circa 2400 telefoni cellulari solo a San Francisco e ben 8,465 device Apple a New York.

 

Activation lock 620x348 Il Kill Switch è legge in California

 

Di recente le cose stanno finalmente cambiando: con l’introduzione di iOS 7 Apple ha aggiunto una funzione chiamata blocco attivazione, che impedisce ai ladri di usare un iPhone rubato e lo stato del Minnesota ha già reso legge l’obbligo dell sill switch; perché allora è così importante la mossa della California, che dal … del 2015 richiederà che la funzione sia inserita per legge su tutti i terminali venduti sul proprio territorio? La ragione è semplice, lo stato della California ospita la “Silicon Valley”, dove ha sede una buona parte delle grandi multinazionali dell’elettronica di consumo, quali Apple, Google, Microsoft, Qualcomm, Intel e Nvidia (tutti più o meno impegnati nel mercato mobile), che certamente non tarderanno ad aggiornarsi pur di continuare a vendere “in casa” e d’altra parte, una volta fatto lo sforzo per proteggere i propri prodotti, perché non dovrebbero rendere questa funzionalità disponibile agli utenti di tutto il mondo?

 

Durante i primi 5 mesi del 2014, stando al New York Times, i furti di iPhone sarebbero diminuiti del 19% a New York, del 24% a Londra e del 38% a San Francisco grazie al blocco attivazione, numeri non da poco; ecco perché personalmente sono fiducioso che la mossa da parte della California potrà essere un toccasana per gli utenti smartphone di tutto il mondo.

Fonti: New York Times, Huffington Post

Advertise