Ora il Wi-Fi sarà davvero libero nei locali pubblici

Free Wifi1 Ora il Wi Fi sarà davvero libero nei locali pubblici

Ieri l’Autorità garante della Protezione dei dati personali ha dato ragione all’interpretazione della Federazione italiana pubblici esercizi aderente a Confcommercio-Imprese per l’Italia confermato che gli esercenti pubblici possono mettere a disposizione dei propri clienti liberamente una connessione Wi-Fi, nonchè computer ed altri dispositivi, senza alcun obbligo di monitoraggio o responsabilità all’utilizzo della stessa.

Ecco una nota della Fipe in merito alla questione:

L’Autorità garante della Protezione dei dati personali ha confermato che gli esercenti pubblici possono mettere liberamente a disposizione degli utenti la connessione Wi-Fi ed eventualmente Pc e terminali di qualsiasi tipo.

A sollevare la questione era stata un’interpretazione controversa sollevata da provider che forniscono programmi di archiviazione. A loro dire, sui gestori di bar e ristoranti incombeva l’obbligo di registrazione dei dati da parte degli utenti, così come dovevano essere anche ritenuti corresponsabili dei siti visitati dai loro clienti in caso di connessione alla rete con l’accesso telematico fornito dal locale.

Con questa nuova interpretazione i gestori dei locali saranno sollevati da qualsiasi responsabilità rispetto alla navigazione in Internet da parte dei loro clienti e, nel caso volessero entrare in possesso di informazioni più dettagliate riguardo all’uso della rete, dovranno richiedere al consumatore di firmare l’autorizzazione al trattamento dei dati personali. Il Garante, nella risposta fornita a Fipe, ha infatti ribadito che questo caso rientra fra quelli in cui non può essere effettuato il trattamento dei dati personali senza necessità del consenso del soggetto interessato, in base all’art. 24 del Codice.

La connessione wi-fi libera nei pubblici esercizi va verso la direzione delle smart city. Bar, ristoranti, discoteche, stabilimenti balneari diventano sempre più interattivi e sono così in grado di offrire ai clienti un servizio importante nell’era del digitale

Gli esercenti che ancora dispongono di strumenti per la registrazione e l’archiviazione dei dati possono tranquillamente rimuoverli. In caso contrario, saranno tenuti ad informare i propri avventori dell’utilizzo che ne viene fatto, attraverso la sottoscrizione da parte loro del consenso al trattamento degli stessi, di cui all’art. 13 del Codice.







Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al forum


Eva Pellizzari

Eva Pellizzari è il lato femminile di Italiamac, appassionata di Social Media Marketing, Tecnologia e ovviamente Apple. Online le piace farsi chiamare Eva Starz. E’ costantemente alla ricerca di novità tecnologiche e prova con curiosità tutti i nuovi servizi digitali che compaiono continuamente sulla rete. Eva segue anche i Social Network di Italiamac, la sua carriera conta la collaborazione come Social Marketing Expertise per l’agenzia MacPremium e player di Buzz e Deep Marketing per l’agenzia RealTime. La nostra Eva Starz, oltre ad essere una blogger da diversi anni, è una esperta di contest e non perde occasione per testare le iniziative che ogni giorno vengono lanciate sul web e sui social network per scoprirne metodologie e funzionamenti, avendo sempre le antenne sintonizzate su tutto quello che le aziende propongono in rete.
x

Check Also

iPad: Apple per la consegna si è affidata a UPS e TNT, già avvenuta la prima consegna anticipata

[youtube jXQ00picGaQ] Per effettuare le consegne con tempi giusti Apple ha deciso di ricorrere a due corrieri internazionali UPS e TNT. Purtroppo sembra che ci sia stato un po’ di casino nelle consegne, se da una parte UPS sembra che abbia effettuato egregiamente il suo lavoro, di TNT non si può dire lo stesso. UPS addirittura ha consegnato con tre giorni di anticipi gli iPad ad alcuni utenti, mentre TNT forse per forza maggiore, dove aver portato la merce in Italia tramite il tracking molti utenti ...

Loading...