Pixelmator, con la versione 1.6.2 arriva il supporto a WebP

pixelmator webp Pixelmator, con la versione 1.6.2 arriva il supporto a WebP
WebP, probabilmente ne avrete sentito parlare in questi giorni (qui trovate un nostro articolo al riguardo), è il nuovo formato proposto da Google che dovrebbe soppiantare l’attuale JPEG.
Nell’idea di Google, WebP dovrebbe ridurre il peso delle nostre immagini per il web di circa il 40% senza perdita di qualità.
I ragazzi di Pixelmator, il noto editing grafico per Mac “for the rest of us”, non si sono lasciati sfuggire l’occasione e si sono messi subito al lavoro per presentare la nuova versione, la 1.6.2, con tanto di supporto a WebP.

Con questo aggiornamento, Pixelmator risulta essere la prima applicazione al mondo (cito dal loro blog), ad aver dato pieno supporto al nuovo (e speriamo fortunato) formato di Google:

“Sono molto orgoglioso di annunciare che Pixelmator 1.6.2 è la prima applicazione al mondo ad offrire pieno supporto al formato WebP. Non si tratta di un semplice e microscopio esperimento, ma di assoluto e completo supporto al formato WebP!” – tratto dal blog dell’azienda.

Per abilitare il supporto al formato WebP bisogna lanciare il Terminale di Mac OS X e digitare quanto riportato di seguito:

defaults write com.pixelmatorteam.pixelmator enableWebP YES

Fatto ciò, il vostro Pixelmator potrà aprire, modificare ed esportare file in formato WebP senza alcun tipo di problema.
Vi ricordo che Pixelmator ha un costo di 59$ per una singola licenza.







Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al forum


Gabriele Contilli

x

Check Also

Pixelmator per iPhone: finalmente disponibile

Pixelmator € 4,99 7.25 Design 8/10 Qualità 8/10 Usabilità 7/10 Prezzo 7/10 Pro Facilità di condivisione integrazione nativa con iCloud Risultati eccellenti App universale Contro difficile l'uso su iPhone per via dello schermo piccolo Richiede iPhone recenti per prestazioni migliori Sviluppatore App Store Pixelmator, il software per foto famoso per essere un degno avversario a photoshop, è stato rilasciato anche per iPhone, rendendolo così presente su tutto l’ecosistema Apple (eccetto Watch e tv ovviamente ). La versione per iPad è diventata quindi universale permettendo così ...