Ad inizio mese, Samsung ha rilasciato il Galaxy Note 7, il suo nuovo smartphone con processore a 14-nanometri per l’appunto lo Snapdragon 820 quad-core a 64-bit, 4GB di RAM, fotocamera da 12 megapixel, impermeabile e dotato anche di ricarica wireless. 

Specifiche a parte, il Galaxy Note 7 pare abbia un processore migliore dell’A9 con 2GB di RAM presente su iPhone 6s, ma stando ad un nuovo speed test è chiaro che il nostro hardware e l’integrazione ad-hock con il software è nettamente superiore del nuovo top di gamma Samsung.

Nella comparativa basata sul lancio delle app simultaneamente sui due dispositivi il Galaxy Note 7 è stato nettamente sconfitto da iPhone 6s, nonostante il dispositivo dell’azienda Coreana abbia un hardware più potente dell’ultimo ritrovato di Apple uscito quasi un anno fa.

L’iPhone è stato in grado di lanciare app in successione, molto più velocemente del Galaxy Note 7, lanciando 14 app in un minuto e ventuno secondi battendo così i due minuti e quattro secondi del dispositivo Samsung.

È chiaro che è un test singolo che nell’utilizzo quotidiano non facciamo, ma è bello vedere quando Apple riesca a fondere alla perfezione hardware con software sui propri iPhone dando la possibilità di competere con dispositivi più potenti il doppio di esso sulla carta.

Apple dovrebbe annunciare il nuovo iPhone 7 ed iPhone 7 Plus molto presto, questione di settimane, con un processore migliorato A10, RAM migliorata e molto altro.

Advertise

2 Commenti

  1. beh android e touchwiz manco con 32 gb raggiungono ste velocità :P ( possessore di iphone 6s, note 3, nexus 5 e redmi note 3 pro )

Comments are closed.